Distruggono la Scuola e Postano il video su Facebook. Identificati dai Carabinieri.

Non è stata una grande idea quella di postare il video del disastro fatto nella scuola di San Giovanni Persiceto per 4 giovani ragazzi e una ragazza.
Grazie al video postato su Facebook infatti sono stati identificati dai Carabinieri i responsabili degli atti vandalici.

Finestre in frantumi, armadi rovesciati e documenti stracciati, computer rotti, muri imbrattati, estintori svuotati: sono solo alcuni dei gravi danni che un gruppetto di giovani vandali ha fatto in una scuola nel Bolognese, a San Giovanni in Persiceto.

Danni valutati in circa centocinquantamila euro. A distanza di un mese dall’episodio, il 2 aprile, quattro ragazzi e una ragazza, tra i 16 e i 17 anni, sono stati identificati dai carabinieri e denunciati per danneggiamento aggravato.
I minori, che una volta interrogati hanno ammesso e chiesto scusa per i fatti, inizialmente si erano invece vantati della ‘bravatà con gli amici, e uno di loro aveva anche postato un video su facebook.

Distruggono scuola San Giovanni in Persiceto

La scuola è l’istituto Quaquarelli, attualmente inagibile per il terremoto, con l’attività didattica spostata in un’altra sede. Un complesso grande, elementari e medie, con circa 50 aule, dove i giovani erano entrati forzando una porta sul retro, intorno alle 12.
I militari sono stati avvisati in seguito dal preside e dal sindaco del paese, una volta che un custode aveva trovato i locali devastati.
«Bombardiamola ‘sta scuola», era scritto in uno dei graffiti. E ai giovani gli investigatori sono arrivati proprio grazie ad alcuni ‘tag’, le firme lasciate sui muri. Da queste sono stati identificati una ragazza e un ragazzo, che, interrogati dal pm Flavio Lazzarini della Procura dei minori, dopo qualche reticenza iniziale, hanno ammesso e hanno fatto i nomi degli altri tre che erano con loro. Italiani, nessuno dei cinque aveva precedenti. Le indagini sono state condotte dalla compagnia di San Giovanni in Persiceto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *