Doculicious, come inserire PDF nelle pagine web

doculicious_1

Davvero interessante questo servizio web che permette la creazione di documenti in formato PDF che possono essere, successivamente, incorporart nelle pagine web del proprio sito/blog come veri e proprimoduli.

Doculicious è il nome dell’applicazione e consente ai vari utenti che accedono ai moduli-PDF di scaricarli cmpilati proprio come un file PDF. L’utente, quindi, può salvare il file sul proprio PC e inviare, nello stesso tempo, i dati inseriti al webmaster. Ma, Doculicious non è solo utilizzabile come mera raccolta di dati.

doculicious_2

Si possono creare, ad esempio, modelli di certificati, biglietti da visita e simili. Per gli utenti si tratta solo di compilare i dati richiesti e scaricare il PDF per stamparlo. La versione gratuita ha limiti di numero di creazione di documenti (50 documenti e 20 download al mese.) mentre quella a pagamento non ne possiede. Esiste la possibilità di creare documenti da zer oppure sfruttare modelli preesistente e modificarli nella dimensione, nel colore di sfondo, dimensione del testo, font e molto altro ancora. Inoltre, ogni elemento presente può essere personalizzato utilizzando l’opzione chiamata PropertiesBox che trovate nell’editor.

Navigare durante l’orario di lavoro fa bene alla produttività

desk_pc

Ed ora cosa ne dirà Brunetta? L’interessante risultato venuto fuori da una recente ricerca del professore Brent Coker, ricercatore alla University of Melbourne (Australia) ed esperto in marketing e amministrazione, la possibilità di navigare liberamente (come svago) sul proprio posto di lavoro, aumenterebbe il loro livello medio di produttività degli impiegati con evidenti benefici per l’ufficio in cui lavorano. Ecco le parole ufficiali di chi ha condotto seriamente la ricerca:

«Le persone che utilizzano Internet per divertimento al lavoro – entro un ragionevole limite pari al 20% del tempo totale che trascorrono in ufficio – sono più produttive di circa il 9% rispetto a coloro che non lo fanno. Le aziende spendono milioni per adottare software in grado di impedire ai loro impiegati di visualizzare i video su YouTube, utilizzare i social network come Facebook o fare dello shopping online, presumendo che tali attività possano portare alla perdita di milioni a causa della produttività perduta, ma non è sempre così».

La ricerca ha preso come campione 300 impiegati e circa il 70% di loro utilizza la connessione del lavoro per svago (attività come la ricerca di informazioni su specifici prodotti, lettura delle ultime notizie sui siti web di informazione, videogiochi, Social Network ecc).

Secondo Coker, questo modo di consultare il web costituisce un valido sistema per ritrovare la concentrazione dopo aver lavorato per alcune ore di seguito. Proibire tutto questo potrebbe, quindi, essere più deleterio che portare seri benefici. Sono curioso di sapere cosa ne pensate!