Recupero File #2 – Get Data Back (Fat32 & NTFS)

In un precedente articolo Luca spiegava come è riuscito a recuperare i file persi per un errore di formattazione utilizzando una distro live di Linux. Io oggi vi spiegherò come fare lo stesso (e forse qualcosa in più) utilizzando Windows e il software Get Data Back.

Di cosa abbiamo bisogno ?
1 copia autentica di get data back adatta al nostro file system.
1 hd da recuperare
1 hd per effettuare il backup dei dati
EVENTUALMENTE un secondo pc su cui lavorare
e in fine tanta tanta pazienza

La copia di GdB deve essere legalmente acquistata dato che la versione demo analizza solo l’hd senza effettuare il recupero. i prezzi sono 72 dollari per la versione ntfs e 62 per quella fat32. Attenzione a scegliere la versione giusta dato che un errore può vanificare il recupero dei dati. So che può sembrare una spesa consistente ma il recupero di tutti i dati spesso non ha prezzo. In caso si tratti dell’hd del nostro portatile (o che comunque di un Hd con sistema operativo) avremmo bisogno di un secondo pc su cui far “girare” il nostro programma, e di un secondo hd di dimensioni uguali o maggiori di quello da recuperare (dato che il programma NON sovrascrive i dati ma li “ricopia” su di un secondo supporto). Una volta sistemato tutto possiamo cominciare la fase di recupero.

Step #0 (intro)

Il primo passaggio (come anche gli altri) è molto semplice, basta semplicemente scegliere che tipo di operazione vogliamo fare sul nostro hd, il ripristino del file system è sicuramente quello più completo (p.s. dalle mie prove molto spesso i risultati sono stati identici)

Step #1 (select Hard Disk)

Altro passaggio molto intuitivo e semplice. Selezioniamo il disco fisico (o la partizione) che dobbiamo recuperare e clicchiamo su next.

Step #1.2

Ora è partita la parte più lunga e importante del programma. In questo momento il programma sta leggendo OGNI cluster ( settore) del vostro hd esaminandone il contenuto e memorizzandolo. in pratica è in questo momento che vi sta ” salvando la vita ” 🙂 . L’operazione sarà abbastanza lunga, sopratutto a seconda della grandezza dell’hd da recuperare e della ” potenza ” del pc che sta facendo lo sporco lavoro.

(ATTENZIONE in caso di utilizzo di hd usb cercate sempre di utilizzare porte usb 2.0 dato che le 1.1 sono ENORMEMENTE più lente, per farvi un idea con il passaggio da una porta 1.1 a una 2.0 con quasi lo stesso Hw sono passato da 4 GIORNI per il recupero dei file a 5 ORE. meditate gente…. meditate)

Step #2 (select File System)

Fatto il grosso del lavoro dovrete scegliere quale file system recuperare. Almeno che non abbiate già fatto qualche strana operazione sull’hd è molto facile che ne abbiate solo uno.

Step #2.2 (extracting indices)

Questa fase sarà molto più veloce della precedente e si occuperà semplicemente di reindicizzare i file all’interno del nuovo F.S.

Step #3 (recovery Tree)

Come già detto GdB è il solo (o uno dei pochi) programma di recupero file che permette anche di recuperare la struttura delle cartelle mentre, la maggiorparte dei concorrenti (free e non) creano dei file backup che successivamente vanno riconvertiti o anche solamente rinominati. Con GdB eviterete questo passaggio avendo TUTTI i file con i LORO nomi. In questo passaggio infatti potete vedere come si presenterà la struttura ad albero dei file recuperati. A questo punto basta selezionare la cartela da recuperare (nel nostro caso vogliamo recuperare l’intero hd e, quindi, selezioneremo la diectory principale “[ntfs]”) e cliccare su “copy” , selezionare l’hd dove copiare tutto (ATTENZIONE se l’hd di destinazione non è vuoto ricordatevi di creare una sottocartella e selezionarla come destinazione in modo da avere tutto ordinato per bene). Complimenti!! se tutto è andato per il meglio avete recuperato praticamente la totalità dei file che potrete facilmente ricopiare sul primo hd ( quello danneggiato) e con un po di fortuna avrete anche il vostro sistema operativo dinuovo funzionante senza necessitare di una nuova installazione.

Buona fortuna e ricordate:
“casco in testa bel allacciato, luci accese anche di giorno e BACKUP sempre!!”

UPDATE: Luca mi segnala che è possibile utilizzare GdB anche senza utilizzare un secondo pc ma, semplicemente, utilizzando un bootcd di xp creato tramite il “bart’s Pe”. l’operazione non è semplicissima ma se avete voglia e tempo di cimentarvi nell’impresa potete consultare il sito ufficiale della Runtime. Aspettiamo i commenti di luca per sapere comè andata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *