Pandora “è tornata” con una nuova VPN !

pandora_project.jpg

Il mio “amore” per le VPN (quanto amo le VPN non lo si può immaginare) mi porta come sempre alla ricerca di nuove da sperimentare e questa volta, per caso davvero, mi sono imbattuto in questa news su Wi-Fi PLANET nella quale, riassumo in breve, si scrive di un servizio della AnchorFree, una VPN gratuita statunitense e sottolineo totalmente gratuita a 600 kbps in download e circa 280 in upload (ciò dai test che in poco tempo, per la verità, ho effettuato).

Ergo oltre a beneficiare di tutto ciò che un servizio VPN può offrirci abbiamo la possibilità di usufruire di quei servizi che, per un motivo o un altro, a noi italiani vengono negati proprio come Pandora. Inizialmente non avevo “collegato” la VPN a Pandora non rendendomi inizialmente conto che fosse americana (tutto ciò dalle 2 di notte ad ora), felicissimo di averne trovata finalmente una gratuita (SecureIX non funziona più, perché in vendita), ma una volta verificato che l’indirizzo IP assegnatomi dal server fosse realmente statunitense tutto è stato più chiaro e la felicità è raddoppiata.

Hotspot Shield, questo il nome del servizio VPN, non necessita di nessuna e ripeto nessuna particolare configurazione né alcuna registrazione con i soliti user e password da ricevere, utilizza il protocollo OpenSSL (che a sua volta utilizza il noto e sicuro SSL) ed è davvero semplicissimo da utilizzare. Innanzitutto lanciate da PC o Mac il file che scaricherete da qui e niente di più semplice comparirà nella barra delle applicazioni attive un’icona con la forma di uno scudo rosso. Bene, ora tasto destro del mouse su quest’ultimo e cliccate su Connect. Pochi secondi e verrà stabilita la nuova connessione con IP americano, pronti per navigare con maggiore sicurezza e finalmente riascoltare Pandora in modo semplice, veloce e senza sperimentazioni.

2007-11-29_070525.jpg

Osservazione: una volta connessi con la VPN comparirà nella parte alta del browser una innocua pubblicità che potrete eliminare all’istante cliccando sull’apposita X (si tratta pur sempre di un servizio gratuito). Ora puntate il browser su pandora e il gioco è fatto! Se si vuole registrarla (ma qui sicuro che siete già esperti) usare Audacity che ritengo a mio modestissimo parere uno dei migliori nel suo campo. Ho provato personalmente il tutto e ad ora, 8.03 del mattino di giovedì 29 novembre funziona alla grande, la sto ascoltando in sottofondo proprio in questi momenti…
Spero di aver fatto con molta fortuna cosa gradita a chi, come me, di Pandora ne sentiva la mancanza.

Alla prossima…
Vincenzo Denzel

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *